[Parution] “La casa Ottomana a “SOFA”: una moderna idea di abitare” / “The Ottoman “Sofa” House: A Modern Idea of Living” / Serena Acciai, Lettera Ventidue Editzione, novembre 2023

Parution de “La casa Ottomana a “SOFA”: una moderna idea di abitare” / “The Ottoman “Sofa” House: A Modern Idea of Living” / Serena Acciai, Lettera Ventidue Editzione, novembre 2023, 64 p., italien/anglais, ISBN 9788862428903

Serena Acciai travaille, avec Cristiana Mazzoni (directrice de l’UMR AUSser), sur l’inventaire des archives produites dans le cadre de l’enseignement “Villes orientales : Maghreb et Proche-Orient”, dont celles de l’Atelier Istanbul. Cet atelier était encadré par Alain Borie et Pierre Pinon. Ces archives se trouvent au centre de recherche documentaire du laboratoire IPRAUS/AUSser à l’Ecole nationale supérieure d’architecture de Paris-Belleville.

Accédez au site éditeur : La casa Ottomana

Présentation du livre

La casa a sofa, conosciuta anche come casa ottomana, rappresenta nel Mediterraneo orientale il lascito di una secolare cultura di avvicendamento tra popoli. Un luogo dello stare che è il cuore distributivo della casa, ma anche la sua apertura verso l’esterno. Nella ricerca della modernità, con l’avvento degli Stati-nazione negli anni venti del Novecento, questo modo di abitare ha avuto un ruolo fondamentale nella ricerca di una figuratività nazionale che, paradossalmente, affondava le radici in un passato condiviso nello spazio e nel tempo. I luoghi dell’abitazione, gli arredi e l’etimologia delle parole che li descrivono nelle varie lingue dell’area balcanica, raccontano di vicinanza e prossimità, che è tutto ciò che non assoceremmo mai all’immagine che abbiamo di questa regione. Allo stesso modo, in questa stessa area, sono simili i risultati a cui sono giunti gli architetti moderni con i loro progetti. A simboleggiare l’importanza delle forme, dei tipi, degli elementi architettonici che caratterizzano queste dimore nella storia dell’abitare mediterraneo, sta il lavoro di Le Corbusier, che magistralmente sintetizza i caratteri della casa mediterranea, da Bisanzio in poi.

Serena Acciai

Serena Acciai (1982) è architetta e ricercatrice con esperienza sul patrimonio multiculturale del Medi- terraneo. Il suo lavoro si concentra principalmente sulla costruzione, la percezione e la rappresentazio- ne delle identità culturali attraverso l’architettura, in particolare nell’area Mediterranea. Ha conseguito il dottorato di ricerca (summa cum laude) in Compo- sizione Architettonica e Urbana presso l’Università di Firenze, con la prima tesi in Italia su Sedad Ha- kkı Eldem. Da allora ha proseguito questa linea di lavoro presso l’INHA (Institut National Histoire de l’Art) di Parigi e come assegnista presso l’Università di Firenze. Nel 2018 ha pubblicato il volume Se- dad Hakkı Eldem, an Aristocratic Architect and More, con FUP, Firenze University Press. È stata titolare di incarichi di insegnamento presso il Politecni- co di Milano, l’Università Federico II di Napoli e l’Università degli Studi di Firenze. Ha partecipato a convegni e seminari internazionali e ha tenuto le- zioni in molte università: Milano, Venezia, Lugano, Mendrisio, Bologna, Bochum, Ohrid, Zagabria e Istanbul. Conta numerose pubblicazioni su volu- mi e riviste internazionali, è corrispondente per la rivista «Il Giornale dell’Architettura» e collabora con il progetto Le vie de Medici, Museo Diffuso En Plein Air. Attualmente è ricercatrice associata all’I- PRAUS-AUSser dell’ENSA di Paris-Belleville.



Citer ce billet
Pascal Fort (2024, 8 janvier). [Parution] “La casa Ottomana a “SOFA”: una moderna idea di abitare” / “The Ottoman “Sofa” House: A Modern Idea of Living” / Serena Acciai, Lettera Ventidue Editzione, novembre 2023. Carnet de veille UMR AUSser. Consulté le 23 juin 2024, à l’adresse https://doi.org/10.58079/vj9z

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search